Seleziona un Ente:

Benvenuti nella rete civica dell'Unione di Comuni Valmarecchia

 

Museo Mulino Sapignoli, domenica 18 febbraio torna "Il Mulino macina...storie" versione stampabile

Sezione: Comunicati stampa -

Descrizione:

Museo Mulino Sapignoli

"Il mulino macina ... storie"

 

Dopo le tele della Santarcangelo dei Pittori, domenica 18 febbraio alle 16 al Museo Mulino Sapignoli sarà tempo di riflessione con "Il Mulino macina ...Storie", conversazioni sulla guerra che ha segnato la prima metà del secolo scorso nei territori di Verucchio e Poggio Torriana; il pomeriggio vede la partecipazione di tre autori locali che in questi ultimi anni hanno pubblicato libri di storie, ricordi e memorie sul passaggio del fronte in questo lembo della bassa Valmarecchia.


Per l'occasione verranno presentati 3 libri:

"Veleni in Valmarecchia  - La battaglia di Torriana" di Augusto Stacchini, edito da Carlo Filippini Editore.

Il testo narra  dell'esistenza di un deposito di aggressivi chimici situato nella galleria ferroviaria di Ponte Verucchio, come rivelano i documenti rispolverati dall'autore, che erano conservati nell’Archivio Comunale di Verucchio e di arsenico, come rilevato per deduzione dai documenti conservati nell’Archivio di Stato di Pesaro, sede di Urbino e dai testimoni, che assistettero all’incidente a Ponte Verucchio quando una nube di Arsenico si sprigionò dalla galleria.
 
"Storie del 1944, il passaggio del fronte a Poggio Torriana"  di Maurizio Palmerini Matteini e pubblicato dal Comune di Poggio Torriana.

Il lavoro è frutto di interviste raccolte tra chi la guerra l'ha vissuta, memorie che dopo 70 anni vogliono essere tramandate alle nuove generazioni, storie e ricordi di quei bambini o ragazzi che oggi sono nonni o bisnonni.  

"Ghécc" di Silvio Biondi, Amedeo Blasi e Maurizio Palmerini Matteini e pubblicato dal Comune di Verucchio.

Il libro narra la storia di quei cinque bambini che morirono in quel primo novembre 1944, un tragico evento che avvenne a Villa Verucchio. I bambini che avevano dai 5 agli 11 anni, stavano giocando a ghèc, un gioco di biglie di terracotta che venivano spinte con un colpo di schicchera lungo una pista costruita all’istante nella terra. Un gioco all’aria aperta, che trasuda la voglia e l' audacia di vivere che hanno i fanciulli, un' esuberanza che gli adulti non riescono a trattenere. Il fronte si era spostato quel primo novembre. I tedeschi si stavano ritirando. Ed ecco i luoghi del borgo, la campagna, le case, i suoi abitanti che escono fuori e le voci, come in un film, dopo la tempesta il sole, la luce e la libertà dall’oppressore riporta tutti all’aria, a far festa; poi, all’improvviso lo scoppio.
Lo raccontano i sopravvissuti qualche anno dopo a scuola, durante una lezione di storia contemporanea. Una lezione che gli uomini e le donne di oggi, allora bambini, non si scorderanno più. Una lezione di vita che noi abbiamo voluto ricordare perché non si ripeta più la guerra.
 
Al termine dell'evento nella saletta attigua verrà offerto ai presenti un piccolo rinfresco a cura degli Amici del Mulino, nella saletta sarà possibile ammirare anche "Schegge di memoria, mostra di reperti bellici" a cura di Fabio Cennamo.

Di seguito la biografia degli autori

 

Augusto Stacchini
Augusto Stacchini è nato a Montescudo il 29 aprile 1945. Ha frequentato le Scuole Elementari a Serravalle, le Scuole Medie ed il Ginnasio a Bologna, il Liceo Classico nella Repubblica di San Marino e si è laureato in Lettere e Filosofia indirizzo classico nel 1969 presso l’Università degli Studi di Urbino. Ha insegnato nelle Scuole Medie di Verucchio e nell’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato di Rimini. Dal 2000 è in pensione e trascorre il suo tempo scrivendo di storia locale, soprattutto  della Seconda Guerra Mondiale, per impedire che la “verità” sia affossata per sempre nel buio dei tempi. Nel 2011 ha pubblicato “La Decima Vittima” sull’Eccidio dei 9 Martiri di Verucchio e sul bombardamento di San Marino del 26 giugno 1944.

Maurizio Palmerini Matteini
Maurizio Matteini residente a Poggio Torriana è un sociologo che ama "raccogliere" memorie, credenze e tradizioni della Valmarecchia, dalle superstizioni alle erbe, dai mestieri agli eventi, dal cibo al passaggio del fronte.
 

Silvio Biondi
Silvio Biondi è Ass. te Capo di Polizia Penitenziaria,  scrive racconti brevi e fiabe a quattro mani con Amedeo Blasi, Consulente Giuridico Pedagogico Penitenziario. Tra le loro opere: “La luna, Mohammed e la sua scimmia” - Rimini, il carcere che nessuno racconta (Il Ponte Vecchio Editore) 2011, “Un Folletto per Amico” fiabe per bambini libro del 2012 che ha avuto una seconda ristampa nel 2014 e "Il Bottone del generale Zucchi" pubblicato da Montefeltro Editore nel 2012.      

Nel 2017 la sua ultima fatica letteraria, "Ghècc" scritta assieme ad Amedeo Blasi e Maurizio Palmerini Matteini.

Ingresso gratuito,

per informazioni gliamicidelmulinosapignoli@gmail.com  

documenti allegati:

Cerca

 

Comune di Poggio Torriana

Sede Poggio Berni (legale): via Roma, 25 loc. Poggio Berni - 47824 Poggio Torriana - tel. 0541/629.701 fax 0541/688.098

Sede Torriana: via Roma, 19 loc. Torriana - 47824 Poggio Torriana 0541/629.701 fax 0541/688.098
PIva/Cod.fiscale 04110220409 - E-mail: urp@comune.poggiotorriana.rn.it - Posta Elettronica Certificata: comune.poggiotorriana@legalmail.it 

Web designMade Network